poker live

Poker Live: news e cronache tornei

In questa sezione troverai le cronache dei maggiori tornei live e tutte le news più interessanti sul poker dal vivo.

Se sei interessanto anche al poker online, vai qui.

Phil Hellmuth batte Dan Cates e vince $200.000 [Video]

Scritto da Alessandro Il .

phil hellmuth lee davy

Phil Hellmuth batte Dan Cates nella finalissima del King of the Hill e vince 200.000 dollari.

Il buon vecchio Phil Hellmuth è riuscito così prima a battere Doug Polk e poi anche Dan Cates, indubbiamente tra i top player al mondo nel testa a testa.

Una grande soddisfazione per colui che ad oggi ha vinto più braccialetti WSOP, a cui si è aggiunto anche un premio di 200.000 dollari.

Dopo aver battuto Doug Polk nel turno precedente, Phil Hellmuth conquistava la finale del torneo contro Dan “Jungleman12” Cates.

Dopo un inizio aggressivo da parte di Dan e qualche bluff che faceva imprecare il buon Phil, quest'ultimo riusciva a risalire nel count e trovare la vittoria al primo round con un all-in preflop: A-Q vs K-J. Un Asso al river assegnava la prima partita a Hellmuth.

Il secondo round veniva vinto da “Jungleman12”. La mano finale su board 5 9 A 3 6, con Cates che metteva ai resti "Poker Brat" con K 9. Dan girava A 9 e dunque parità, 1 a 1.

Il terzo e ultimo round partiva con “Jungleman12” che si portava in vantaggio ed Hellmuth, in palese tilt per l’errore che gli era costato la seconda partita, giocare in maniera troppo aggressivo.

Rimasto con soltanto 8.000 chips contro le 192.000 di Dan, sembrava ormai tutto deciso, con “Jungleman12” vicinissimo a festeggiare la vittoria.

"Poker Brat" però stupiva tutti e dava inizio ad una sensazionale "remuntada".

Il primo double-up con K-8 vs J-7 e "Re" al flop. Nella mano successiva Phil smascherava un bluff di Dan e saliva a quota 35.000 chips.

Hellmuth non mollava di un centimentro, riusciva a recuperare e rientrava in partita a quota 70.000 chips. Grazie a un set di 10 effettuava il definitivo sorpasso su “Jungleman12”.

Cates, rimasto con circa 40.000 chips, veniva messo ai resti da Hellmuth: A-6 vs K-Q e board liscio.

Phil Hellmuth trionfava così nella prima edizione del King of the Hill per un premio di 200.000 euro.

A seguire il filmato del match:

Photo credit: Flickr.

PSC Barcellona: Raffaele Sorrentino 3° per 850.000€!

Scritto da Alessandro Il .

barcellona

Raffaele Sorrentino conclude al terzo posto al Main Event del PokerStars Championship di Barcellona per un premio di 850.110 euro. Vince il player nordico Sebastian Sorensson mentre runner up è il bulgaro Lachezar Petkov.

Nella giornata conclusiva del Main Event del PSC di Barcellona erano sei i giocatori a contendersi la vittoria.

Il primo eliminato di giornata arrivava dopo 3 round: Usman Siddique andava allin con coppia di 6 dopo l’apertura di Akkari, seguito dallo shove di Brian Kaufman con A-K. Un K sul board decretava l’eliminazione di Siddique per una ricompensa di 252.000 euro.

Quinta posizione per Andre Akkari, la cui coppia di 4 veniva superata da A-9 di Lachezar Petkov.

Sorrentino dopo essere sceso nel chipcount generale, riusciva a riprendersi grazie a una mano contro Kaufman, A-Q contro QQ e un Asso “amico” al river.

Quarta posizione per Brian Kafuman che con K-Q era costretto ad arrendersi ad A-Q di Sorensson.

Rimanevano 3 giocatori a contendersi la vittoria al PSC Barcellona.

Raggiunto un deal a 3, una volta ripreso il gioco, era proprio Raffaele Sorrentino a dover alzare “bandiera bianca”, il cui push con A-Q si scontrava con il call di Sorensson con coppia di 3. Board blank e l’italiano era costretto ad arrendersi, intascando comunque una ricompensa di 850.110 euro.

Nell’heads-up finale arrivavano Sorensson e Petkov, con quest’ultimo che si doveva accontentare della seconda posizione quando, con K-9 andava all-in pre-flop ma trovava il call dello svedese con A-K. Un asso al flop decretava così il vincitore del PSC Main Event di Barcellona edizione 2017.

Sorensson si porta a casa una prima moneta da 977.043 euro mentre Petkov un premio di 917.347 euro.

Ecco il payout del final table di Barcellona:

  1. Sebastian Sorensson 987.043 euro
  2. Lachezar Plamenov 917.347 euro
  3. Raffaele Sorrentino 850.110 euro
  4. Brian Kaufman 402.000 euro
  5. Andre Akkari 317.960 euro
  6. Usman Siddique 252.000 euro

Photo credit: Pixabay.

WSOP Main Event 2017: Scott Blumstein nuovo campione del mondo

Scritto da Alessandro Il .

welcome las vegas

Scott Blumstein è il nuovo campione del mondo di poker. L’americano trionfa nel WSOP Main Event 2017 e si porta a casa una prima moneta di 8.150.000 dollari. Runner up l'altro statunitense Dan Ott mentre terzo classificato il francese Ben Pollak.

Il WSOP Main Event 2017 ha registrato l’ultimo atto di questa edizione quando restavano ancora in corsa tre players: Scott Blumstein, Dan Ott e Ben Pollack.

Blumstein ripartiva dalla posizione di chipleader con 226 milioni di chips, Dan Ott con uno stack di 88 milioni e Ben Pollak con 44 milioni.

Inizialmente Ben Pollak risaliva fino a 70 milioni mentre Dan Ott scendeva fino a 34 milioni.

Il player americano non demordeva e alla mano 160 finiva ai resti con A-Q contro 8-8 di Pollak. Una donna al flop permetteva a Dan di ritornare al secondo posto nel chipcount.

Pollak non si scoraggiava e riusciva a risalire grazie ad A-3 contro il 5-4 di Scott Blumstein.

Alla hand 181 l’americano doveva però dare l'addio al suo torneo. Andava allin con Q-10, Ott pushava con K-9 e Blumstein chiamava con A-Q. Il board K-J-3-4-6 assegnava il piatto da 128 milioni a Dan e Pollak chiudeva in terza piazza per 3.500.000 dollari.

L’heads up finale del WSOP Main Event vedeva dunque di fronte Scott Blumstein con 232 milioni di chips e Dan Ott con 128 milioni.

Scott riusciva a far valere il suo stack e Ott scendeva fino a 60 milioni. A quel punto arrivava la mano finale del WSOP Main Event 2017.

Dan andava allin con A-8 e Scott Blumstein chiamava con A-2. Il board era il seguente: J-6-5-7-2. Il river 2 assegnava il primo premio da 8.150.000 dollari e il titolo di campione del mondo a Scott Blumstein. Dan Ott si doveva “accontentare” del secondo posto da ben 4.700.000 dollari.

A seguire il payout del tavolo finale del Main Event WSOP 2017:

  1. Scott Blumstein (USA) 8,150,000 dollari
  2. Dan Ott (USA) 4,700,000 dollari
  3. Benjamin Pollak (FRA) 3,500,000 dollari
  4. John Hesp (GB) 2,600,000 dollari
  5. Antoine Saout (FRA) 2,000,000 dollari
  6. Bryan Piccioli (USA) 1,675,000 dollari
  7. Damian Salas (ARG) 1,425,000 dollari
  8. Jack Sinclair (GB) 1,200,000 dollari
  9. Ben Lamb (USA) 1,000,000 dollari

Photo credit: Pixabay/tookapic.

WSOP 2017: chi sono i 9 finalisti del Main Event

Scritto da Alessandro Il .

las vegas notte

Ecco chi sono i 9 finalisti del Main Event delle WSOP 2017 che da giovedì 20 luglio si giocheranno il titolo di Campione del mondo di poker: Scott Blumstein, John Hesp, Ben Pollak, Bryan Piccioli, Dan Ott, Damian Salas, Antoine Saout, Jack Sinclair e Ben Lamb.

Al vincitore spetterà un primo premio di oltre 8 milioni di dollari. Scopriamo maggiori dettagli su ognuno dei 9 finalisti.

  • Scott Blumstein (USA) 96,950,000: venticinquenne del New Jersey, è un professionista americano con vincite nel poker live di circa 300.000 dollari e poco meno di 150.000 dollari nell'online.
  • John Hesp (UK) 85,700,000: 64enne di Bridlington (Inghilterra), è un amatore del poker, come dimostrano i circa 2mila dollari guadagnati fino ad oggi nei live. È pertanto al primo in the money alle World Series of Poker. Già idolo del pubblico per la sua simpatia e le camicie colorate.
  • Benjamin Pollak (Francia) 35,175,000: non ha bisogno di presentazioni il francese Benjamin Pollak, dall’alto dei suoi 3 milioni di dollari vinti nei tornei live, 16 piazzamenti alle World Series of Poker e la conquista di numerosi eventi nel circuito dell’EPT.
  • Bryan Piccioli (USA) 33,800,000: il 28enne Bryan è un altro ottimo professionista americano, attivo sia nei live (quasi 2 milioni vinti in carriera) ma soprattutto nel poker online (più di 6 milioni guadagnati). Ben 26 i piazzamenti in the money alle World Series of Poker. In carriera ha vinto un braccialetto nel 2011 alle WSOP APAC.
  • Dan Ott (USA) 26,375,000: ventiseienne della Pennsylvania, è alla sua prima partecipazione alle World Series of Poker, nel corso della quale ha centrato altri due in the money.
  • Damian Salas (Argentina) 25,750,000: Damian Salas è un pro e avvocato argentino. In tutto sono 13 i piazzamenti a premio alle WSOP, con vincite in carriera nei live di quasi 1 milione di dollari.
  • Antoine Saout (Francia) 21,750,000: il francese centra il secondo final table al Main Event delle WSOP. Nel 2009 terminò al 3° posto, dietro a Joe Cada e Darwin Moon, per un premio di quasi 3,5 milioni di dollari. Ad oggi i suoi guadagni nei live ammontano complessivamente a 5,5 milioni di dollari.
  • Jack Sinclair (UK) 20,200,000: 26enne di Londra, ha al suo attivo appena 13.500 dollari vinti nei circuiti di poker live. È però un regular dell’online, compagno di camera di un "certo" Philipp Gruissem.
  • Ben Lamb (USA) 17,950,000: il 32enne Ben Lamb aveva già conquistato il tavolo finale del Main Event alle WSOP nel 2011. Le sue vincite in carriera ammontano a oltre 7,2 milioni di dollari nei tornei live. Sono invece 14 i piazzamenti a premio alle World Series of Poker.

A seguire il chipcount completo dei 9 finalisti del Main Event delle WSOP 2017:

  1.  Scott Blumstein (USA) 96,950,000
  2. John Hesp (UK) 85,700,000
  3. Benjamin Pollak (Francia) 35,175,000
  4. Bryan Piccioli (USA) 33,800,000
  5. Dan Ott (USA) 26,375,000
  6. Damian Salas (Argentina) 25,750,000
  7. Antoine Saout (Francia) 21,750,000
  8. Jack Sinclair (UK) 20,200,000
  9. Ben Lamb (USA) 17,950,000

Photo credit: Pixabay/zzim780.

Raffaele Sorrentino vince il PSC Main Event Montecarlo!

Scritto da Alessandro Il .

montecarlo casino

Grandissima affermazione per Raffaele Sorrentino che vince la picca al PSC Main Event Montecarlo. All’azzurro un primo premio da ben 466.714 euro.

Si tratta della terza vittoria in un Main Event EPT, ora divenuto PSC, dopo quelle di Salvatore Bonavena nel 2008 e di Antonio Buonanno nel 2014.

Uno strepitoso Raffaele Sorrentino diventa dunque il terzo italiano di sempre a vincere la tanto ambita picca tra European Poker Tour e PokerStars Championship.

Il tavolo finale inizia con l’eliminazione di Diego Zeiter al 6° posto. Ormai short, va in allin pre-flop con A-J ma riceve il call di Michael Kolkowicz che ha la meglio con A-Q. Per lo svizzero un premio di 108.300 euro.

A questo punto sale in cattedra Raffaele Sorrentino. Proprio lui è ad eliminare Kolkowicz al 5° posto chiamando con A-5 il push dell’oppo che gira 6-2. Il Board è il seguente: 5 4 5 7 7. Per lui un premio di 147.120 euro.

È sempre l’italiano ad eliminare Maxim Panyak al 4° posto con K-J, avendo la meglio su A-10 mostrato del russo, grazie ad un "Re" al flop.

Un Sorrentino scatenato manda a casa anche Andrey Bondar al 3° posto. "Raffibiza" con 6-5 supera il J-8 dell’avversario ed esulta grazie al seguente board: 8 5 4 6 9.

Si giunge quindi al testa a testa finale per il titolo. Raffaele Sorrentino e Andreas Klatt trovano l’accordo per un deal, stabilendo 451.714 per il vincitore, 402.786 euro per il secondo classificato e ulteriori 15.000 euro al primo.

L’heads up è di breve durata con Sorrentino che chiude definitivamente il discorso quando Klatt manda i resti con Q-Q ma trova l'azzurro con A-A. L’ultimo board della contesa è il seguente: 8 2 2 K 2.

A seguire il payout di questo storico tavolo finale:

  1. Raffaele Sorrentino 466.714 euro
  2. Andreas Klatt 402.786 euro
  3. Andrey Bondar 271.500 euro
  4. Maxim Panyak 199.900 euro
  5. Michael Kolkowicz 147.120 euro
  6. Diego Zeiter 108.300 euro

Photo credit: Flickr/eepaul.