EPT Tallinn day 3, bolla scoppiata, ma Pagano out

Scritto da Maria Grazia Il Aggiornato il .

ept tallinn 2010Day 3 dell’EPT di Tallinn, 84 i giocatori a darsi battaglia, la bolla è a pochi passi, la tensione all’apice, occorre digrignare i denti e tentare il tutto per tutto. Gli short stack cercano il double up, qualcuno raggiunge l’obiettivo, qualcun’ altro deve raccogliere le sue cose e abbandonare il tavolo.

Gli all in si susseguono livello dopo livello e con essi svaniscono le speranze degli eliminati. I primi due connazionali out, vittime dello showdown, sono Buonanno con A 2 contro K 10 dell’avversario e Domenico Ficarra con AQs vs 10 10.
Persi, al sedicesimo livello, altri due dei nostri: uno sfortunatissimo Davide Maglione che, con AKs da cutoff, è vittima del BB che va a vedere il suo push con KJo chiudendo scala e Gerardo Muro che esce perdendo un coin flip a meno 3 dalla bolla.

È al livello 17 che scoppia la bolla, l’uomo bolla più quotato era il campione israeliano Tomer Berda con meno di 2 bui, ma proprio al suo tavolo, qualcosa ha decretato che non dovesse essere lui, lo scontro avviene tra SB e BB che si ritrovano con tutto lo stack al centro, rispettivamente con 22 e QQ, l’unica speranza per lo SB, Yotam-Bar Yosef,  risiedeva nel board, ed è proprio al flop che, quattro quinti di scala accendono qualche lumicino, poi spento dalle streets successive che lo rendono il bubble man di questo EPT, e Berda, invece, è a premi, perché, come si suol dire,  “one chip one chair”

Cinque gli italiani in the money: Pagano, Simone Falorni, Carlo Bordogna, Attilio Donato e Nicolò Calia.

È proprio Pagano ad essere vittima della sfortuna, quando, al livello 19 si trova all in con AA contro JJ, il flop appare dei migliori per il trevigiano , che trova top set, ma qualcosa si prende beffe di lui e l’avversario chiude colore backdoor, Pagano scende  a quota 110K e la risalita appare davvero ardua. Al livello successivo decide di chiamare all in con A6 trova l’avversario con K10, un k si materializza al flop, la fortuna non lo aiuta, è tempo di raccogliere le proprie cose e tornare  a casa.

Poco dopo l’uscita di Pagano si chiude il day 3, 25 sono i giocatori ancora il lizza e quattro gli italiani Simone Falorni, Attilio Donato, Nicolò Calia e Carlo Bordogna, quest’ultimo in testa al chipcount azzurro:

Carlo "Mandrake" Bordogna 554.000
Attilio Donato 319.000
Nicolò Calia 286.000
Simone Falorni 159.000

Chipcount totale:

Perica Bukara Serbia 1.326.000
Konstantin Bilyaver Russian Federation 1.240.000
Arnaud Mattern France 1.155.000
Jonathan Weekes United Kingdom 872.000
Ivan Demidov Russia 729.000
Johan Storakers Sweden 656.000
Carlo Bordogna Italy 554.000
Dmitry Vitkind Russia 541.000
Kevin Stani Norway 530.000
Toni Ojala Finland 489.000