Lo strapotere di Jason Mercier: a 3 left, gli avversari si arrendono!

Scritto da Alessandro Il Aggiornato il .

jason mercier

Jason Mercier, famoso pro di PokerStars, durante il Seminole Hard Rock Poker Showdown ha vinto un torneo live. Niente di strano se non fosse per il fatto che a tre player left gli avversari si sono arresi e hanno lasciato a Mercier il primo premio!

Si tratta della prima vittoria dell'anno per il professionista americano, anche se già erano quattro i tavoli finali conquistati nel 2015.
Mercier ha letteralmente dominato un torneo svoltosi al Seminole Hard Rock Hotel & Casino, esattamente l'evento Eight Game Mix da 2.200 dollari di buy-in.

Un torneo a cui si sono iscritti soltanto 15 giocatori, con soli due premi: il primo da 18.000 dollari e il secondo da 12.000 dollari.

Jason è riuscito a dominare il torneo dall'inizio alla fine e quando si è arrivati a tre left è successo l'incredibile.

Mercier era riuscito ad accumulare uno stack di ben 225.000 chips contro i 13.700 gettoni di Benjamin Yogel e gli 8.600 di Marcello Costa. A questo punto, vista forse la chiara inferiorità non soltanto in termini di chips ma anche di classe e esperienza, gli avversari di Mercier hanno deciso di concludere in anticipo il torneo, accordandosi per la divisione del secondo premio e lasciando la prima moneta interamente al pro americano!

In pratica Yogel e Costa si sono aggiudicati 6mila dollari a testa. È molto probabile che il torneo sarebbe andato a finire con una vittoria di Mercier, ma il fatto strano è che i due avversari hanno deciso di rinunciare sin da subito a ogni velleità di vittoria, forse rassegnati dall’impossibilità di sconfiggere il campione americano.

Lo strapotere di Mercier ha portato i due avversari al tavolo a prendere questa inusuale decisione per un finale di torneo davvero molto singolare. Con Jason che sicuramente se la ride e che ha indossato per l'occasione la maglietta "Easy money", parole di certo azzeccate per una vittoria che per certi versi si è rivelata incredibilmente facile.

Photo credit: Flickr.