Phil Hellmuth coach di Federico Butteroni al Final Table del Main Event WSOP

Scritto da Alessandro Il Aggiornato il .

phil hellmuth 2

Una notizia clamorosa ci giunge in queste ore: Phil Hellmuth sarà il coach di Federico Butteroni al tavolo finale del WSOP Main Event 2015!

È quanto annunciato ufficialmente dallo stesso “the poker brat” in un filmato in cui rende noto che Federico arriverà a Manhattan il prossimo 1 novembre e sarà seguito da lui personalmente per 5 giorni. Prevista anche la partecipazione di Butteroni a un torneo di beneficenza, prima di sedersi a Las Vegas e provare una leggendaria rimonta al final table del Main Event WSOP.

Ricordiamo che qualche giorno fa Federico e Phil erano andati a cena insieme e dunque, molto probabilmente, proprio in questo incontro sono stati definiti tutti i dettagli: “Non vedo l’ora, Federico non ha molte chips, soltanto 16 big blinds, ma lui è convinto di poter raccontare una grande storia, così come lo sono anche io, quindi vediamo cosa accadrà”.

Al momento non è giunta alcuna comunicazione ufficiale da Federico, attesa comunque nel corso delle prossime ore.

Phil Hellmuth non ha di certo bisogno di presentazioni, si tratta di uno dei pochi campioni di poker di fama mondiale in circolazione e l’accordo con Butteroni è davvero un bel colpo per il November Nine italiano. L’attenzione internazionale nei suoi confronti sarà davvero ai massimi livelli.

Ricordiamo che Federico Butteroni parte ultimo come stack al tavolo finale e dunque è sicuramente il giocatore che ha meno da perdere rispetto agli altri 8 giocatori che saranno seduti con lui. Phil Hellmuth ha invece vinto questo torneo nel 1989. Sono passati 26 anni da allora ma “The Poker Brat” è ancora sulla cresta dell'onda e nel frattempo è stato per ben 14 volte incoronato campione WSOP.

La sua grande esperienza a gestire situazioni del genere sarà certamente di grande aiuto al final table per Federico Butteroni e, comunque vada, sarà un successo mediatico senza precedenti poter contare su un coach del calibro di Phil Hellmuth.