Spagna, Francia e Italia verso il mercato comune dell'online

Scritto da Alessandro Il Aggiornato il .

unione europea pokerSpagna, Francia e Italia fanno un ulteriore passo in avanti per la creazione di una piattaforma comune per il poker online.

In realtà sono Spagna e Francia a muoversi in primis in questa direzione: l'ente regolatore spagnolo DGOJ e quello francese Arjel hanno infatti preparato una bozza d'intesa per un accordo tra i due paesi.

Sembra infatti che i due enti regolatori collaboreranno nello sviluppare una normativa volta alla tutela dei giocatori, si scambieranno informazioni sulla regolamentazione del gioco sul web anche per contrastare l'eccessivo diffondersi di siti non autorizzati.

Ricordiamo che già in diverse occasioni l'Arjel, il DGOJ e l'AAMS si sono incontrati per cercare di trovare un accordo per la creazione di una piattaforma di gioco comune, in modo anche di disporre di una maggiore liquidità sul mercato.

Il problema principale da superare è la diversa tassazione: in Spagna il prelievo nel cash game è pari al 25% sul rake lordo, in Italia è del 20%, mentre in Francia viene conteggiato sul piatto ed è pari al 2% (circa il 35% del rake lordo).

La prossima riunione è fissata per dicembre a Parigi, dove sono attese importanti novità.

In attesa di una regolamentazione comune, puoi continuare a giocare sulle poker room italiane.