Uomo vs Computer: Polk e altri big del Poker sfidano “Claudico”

Scritto da Alessandro Il Aggiornato il .

binary codeDoug 'WCGRider' Polk, Donger 'Donger Kim' Kim, Bjorn 'iamalagtard' Li e Jason 'cheet' Les contro il bot 'Claudico' nel No Limit Hold'em heads-up.

Una sfida promossa dalla Carnegie Mellon University su un campione di 80.000 mani. Microsoft ha anche deciso di regalare 100.000 dollari al player che riuscirà ad ottenere il miglior risultato. I pro nella parte iniziale del confronto sono risultati in vantaggio di circa 328mila dollari (finti) dopo quasi 23mila mani.

Tutto ha avuto inizio lo scorso 24 aprile al Rivers Casino di Pittsburgh. Polk, Kim, Li e Les seduti di fronte a 'Claudico' per un periodo di circa due settimane, una sfida denominata 'Brains vs Artificial Intelligence'.

Doug Polk all'inizio di questa sua nuova avventura si è detto molto felice di confrontarsi con una tecnologia così innovativa ma di essere sicuro di riuscire a battere questa macchina.

Il “papà” di 'Claudico', Tuomas Sandholm, nelle sue dichiarazioni precedenti alla sfida ha sottolineato che l'algoritmo adoperato dal suo bot potrà anche essere adoperato in altri campi che si basano su informazioni incomplete, come ad esempio la medicina.

Il team dei giocatori ha pertanto iniziato la sfida vincendo e, come anticipato, dopo 22.900 mani il vantaggio del gruppetto ha raggiunto 328mila di dollari virtuali. Si gioca ai limiti da 50/100 dollari e uno stack di partenza da 20.000 chips.

La sfida fra il bot Claudico e il quartetto formato da Doug “WCGRider” Polk, Dong “DongerKim” Kim, Bjorn “asianflushie” Li e Jason “cheet” Les è continuata anche in questi ultimi giorni a Pittsburgh, e sono state giocate ulteriori mani, 35.700 per la precisione, con un profitto di quasi 460mila dollari per gli “umani”.

Una vantaggio molto netto quando ormai siamo giunti quasi a metà della sfida.

Il migliore dei quattro al momento è proprio “WCGRider”, che in 10.000 mani giocate è riuscito a vincere 400mila dollari, Bjorn Li ha vinto 272.000 dollari, Dong Kim soltanto 14.000 dollari e Jason Les ha perso ben 228.000 dollari.

Proprio Doug Polk si è reso dunque protagonista in questa prima fase della sfida, risultando nettamente superiore al bot, anche se siamo soltanto al giro di boa. Vedremo nei prossimi giorni se “Claudico” riuscirà a invertire la tendenza o sarà destinato a soccombere definitivamente nella "lotta contro gli umani".