Guida Holdem Manager 2 italiano: il database (backup, restore...) (parte 4)

Scritto da Federico Aggiornato il .

holdem manager

Dopo aver visto come installare e avviare Holdem Manager per la prima volta (qui la prima parte della guida), arrivando nella home del software, la prima voce che leggiamo è la voce “database”.

Si tratta di un opzione che ci permetterà di intervenire, modificando o anche solo verificandone il funzionamento, su tutti i nostri database.

Tale operazione nella prima versione si poteva eseguire esclusivamente dall’esterno agendo su Postgres. In Holdem Manager 2 invece è possibile operare già dall’interfaccia principale.

holdem manager database

Normalmente non è necessario intervenire periodicamente in questa sezione. Tuttavia, cliccando sul nome del database che vi interessa sul menù a sinistra (sotto di esso, cliccando sul segno + verde potrete aggiungere un nuovo database), vi compariranno alcune opzioni nella finestra a destra.

Vediamo brevemente di cosa si tratta:

- Backup: consente di creare un backup del database già esistente e salvarlo con i settaggi già da voi configurati.
- Restore: se una volta effettuato il backup avrete poi bisogno di caricarlo sul nuovo o sullo stesso pc.
- Maintenance: in presenza di database eccessivamente carichi, questa opzione consente di snellire un po’ il peso del database stesso, agendo su Postgres. Evitate di giocarci troppo, a meno che il caricamento delle mani non sia davvero molto lento.
- Import ed export: vi danno la possibilità di importare (ed esportare) database già esistenti (ad esempio quello adoperato per Holdem Manager 1 o Poker Tracker 3) da e su HM2.
- Purge: opzione che vi consente di svuotare i database con troppe hands history caricate, eliminando direttamente le mani selezionate. Per aiutarvi in questa delicata operazione, HM vi mette a disposizione dei filtri in modo da selezionare le mani di cui avete deciso di fare a meno.
- HM Sync: è una funzione molto utile presente in Holdem Manager, che consente di mettere in sincro uno stesso database su pc differenti.

Continua nella quinta parte dove analizzeremo le opzioni offerte dalla Home di HM >