La guerra dei bui (blind war)

Scritto da Federico Il Aggiornato il .

guerra dei buiIl piccolo e il grande buio sono due puntate coercitive che ogni giocatore, ad ogni orbita, deve mettere nel piatto. In alcune varianti e nelle fasi finali dei tornei a queste due puntate si aggiungono le ante, una piccola percentuale di chips che tutti i giocatori devono mettere nel piatto prima di ogni mano.

Prima ancora che il primo giocatore di mano nel pre-flop, cioè l’utg, agisca, nel piatto è già presente una certa somma che fa gola a tutti e che da avvio al così detto blind stealing, cioè l’azione di aggiudicarsi un piatto uncontested al pre-flop.

Capiamo innanzitutto l’utilità che ha il blind stealing nelle varie specialità.

Nel cash game esso riveste un’importanza relativamente marginale. I blinds in relazione agli stack sono decisamente ridotti (mediamente rappresenteranno circa l’1% dello stack), dunque tentare di rubarli con frequenza non è detto ci porti grandi vantaggi. Inoltre, con uno stack medio di 100bb i giocatori flatteranno spesso perché simili stack garantiscono ottima action nel post flop.
Ciò non significa che non dovremmo mai provare a vincere un piatto in blind stealing nel cash game, soltanto che i nostri tentativi di furto andranno operati con raziocinio e senza dare ai nostri avversari la sensazione di essere dei furbacchioni a cui “piace vincere facile”.
La posizione da cui tentare il nostro blind stealing è importante, ovviamente da late position, soprattutto da BTN (in caso di flat di uno dei due bui giocheremo in posizione al flop) un gioco più aggressivo porta i suoi vantaggi, però non bisogna aggredire scriteriatamente soltanto perché siamo da late.
Le carte con cui azzardiamo il nostro tentativo di furto sono molto importanti, esse devono comunque consentirci la possibilità di un buon gioco al flop qualora dovessimo ricevere un call.
In definitiva, agire in blind stealing solo per portare a casa i bui: no. Agire in blind stealing per provare a portare a casa i bui e prendere valore da una mano che al flop ha ottime possibilità di migliorare: si.

Nei tornei e nei sit&go abbiamo un cambiamento non da poco, rubare i bui è praticamente parte essenziale del gioco e la passività pre-flop non va mai di pari passo con un gioco vincente. Essi aumentano costantemente, molto spesso ci troveremo in una situazione in cui il rapporto BB-nostro stack sarà di 1:10, cioè senza possibilità di manovra al flop.
Con l’aggiunta dello SB e delle ante in casi simili rubare il buio potrebbe dire anche incrementare il nostro stack di 1/5 e lasciar passare queste occasioni è sicuramente un errore.

Ma quando dovremmo agire in blind stealing? I fattori da prendere in considerazione sono i seguenti:
  • La posizione. Meno avversari ci sono a parlare dopo di noi, minori sono le possibilità che questi abbiano un buon punto e che quindi decidano di fare call.
  • Gli avversari contro cui proviamo a rubare. Un regular che conosce le dinamiche di blind war, anche con carte marginali, potrebbe non dar credito ai nostri raise da late. Altri giocatori inesperti invece sono fossilizzati all’idea che il BB sia ancora parte delle loro chips e quindi faranno call per inerzia. Evitiamo di accanirci contro di loro.
  • Le nostre carte. Quando siamo con l’acqua alla gola (-di 10BB) le carte hanno importanza decisamente relativa, ma in altri casi, ad esempio quando siamo in early position e abbiamo carte che ce lo consentono o che si legano bene al flop, non dobbiamo essere timidi.
  • Gli stack coinvolti nell’azione. Avversari con uno stack lievemente sotto l’average si prestano bene ad uno steal in raise: folderanno nella maggior parte dei casi. Quando avranno un buon punto invece manderanno i resti e nel caso in cui la nostra mano non dovesse essere adeguata al loro range di push potremmo foldare senza problemi.
    Anche il nostro stack è importante: fra i 15BB e i 20bb aprire per poi foldare non è mai bello, dunque se decidiamo di andare in steal dovremmo anche essere pronti a chiamare eventuali re-steal.
  • La nostra immagine. Cerchiamo di non infastidire eccessivamente gli altri giocatori al tavolo con i nostri tentativi di furto perché altrimenti non ci daranno più credito.

In generale, se abbiamo almeno 3 punti su 5 favorevoli allora forse è il caso di procedere col nostro tentativo di steal.