Il gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica. Probabilità di vincita.
logo adm 18

Daniel Negreanu: biografia del Poker pro più vincente di sempre

Daniel NegreanuDaniel Negreanu è il giocatore di poker più famoso nel settore, apprezzato oltre che per la sue indiscutibili qualità tecniche, anche per una personalità fortemente carismatica che l’ha reso uno dei giocatori più amati dal grande pubblico.

Negreanu non è però soltanto un campione di marketing, con i suoi quasi 30 milioni di dollari vinti in carriera nei tornei “live” – escludendo quindi l’online – è in assoluto il giocatore di poker sportivo più vincente di sempre nei live (superato da poco Antonio Esfandiari); inoltre, è considerato uno dei principali ambasciatori del Texas Holdem nel mondo, con schiere di fan che si ispirano al suo stile per migliorare le proprie prestazioni ai tavoli. A differenza di tanti altri grandi campioni, Negreanu ha avuto il merito (e la fortuna?) di veder crescere la sua popolarità anche fra i non addetti ai lavori, divenendo una vera e propria icona del poker mondiale.
Conosciamo più da vicino questo campione e i suoi record.

 

Negreanu, l’infanzia e i primi (in)successi

Daniel Negreanu nasce e cresce a Toronto il 26 luglio del 1974 in una famiglia di rumeni trapiantati in Canada. I suoi genitori, Annie e Costantin, sono descritti da Daniel come due persone oneste e semplici che non hanno mai messo i bastoni fra le ruote ai figli (Negreanu ha un fratello maggiore) nella realizzazione dei propri sogni.
Il piccolo Daniel cresce dunque in un clima apparentemente disteso, se vogliamo anche parecchio permissivo, e già all’età di 16 anni trascorre i suoi pomeriggi giocando a biliardo in una sala giochi della città. Proprio in questo luogo scopre per la prima volta le carte e il gioco del poker, dal quale rimane così affascinato da anteporlo alle stecche.

Inizia a giocare con i suoi amici e compagni di scuola – molto spesso più grandi di lui - dimostrando già allora un talento fuori dal comune. Incoraggiato dai suoi successi prende così la decisione di trasferirsi con tutto il suo bankroll a Las Vegas, per dedicarsi attivamente alla sua grande passione: il poker in tutte le sue forme e varianti.
In quel periodo ha circa 21 anni e questa scelta si rivelerà fallimentare, poiché in meno di un anno perde tutto ed è costretto a tornarsene a casa mestamente.
Proprio in quello stesso anno suo padre muore improvvisamente, un evento determinante nella crescita di Daniel Negreanu che da quel momento comprende di non poter più fare affidamento sulla propria famiglia per sistemare la propria vita e che dovrà, da solo, badare a se stesso.

Conosce e sposa Evelyn Ng, la sua attuale moglie di origine asiatica e comincia a studiare con serietà tutti gli aspetti più complessi del Texas Hold'em, imponendosi di seguire scrupolosamente quel bankroll management croce e delizia di tutti i fuoriclasse di questo gioco. Ricostruito un bankroll fra i circoli di Toronto, a distanza da un anno dal suo primo insuccesso  torna a Las Vegas, questa volta più che mai determinato a rimanervi da protagonista assoluto.

 

Poker Kid: un campione col volto di un ragazzino

Lo studio e l’ambizione di Negreanu vengono ripagati nel 1998, anno in cui Daniel vince il suo primo braccialetto WSOP, portando a casa i 169.000 dollari nell’evento Pot Limit da 2000 dollari. Aveva solo 23 anni e il mondo del gambling era ben diverso da come lo conosciamo oggi, giacché il poker online con i suoi “ragazzini terribili” non si era ancora diffuso e nei grandi casinò era difficile incontrare campioni della sua età. Negreanu mantenne fino al 2004 un notevolissimo record: il più giovane vincitore di un evento delle World Series, primato da cui scaturì il nomignolo che ancora si porta appresso: Poker Kid.
Nel 1999 vince l’evento di Atlantic City per una prima moneta da 210.000 dollari.

Torna a vincere alle WSOP nel 2003 dopo alcuni anni in sordina, precisamente all’evento SHOE e sempre in quell’anno colleziona altri due tavoli finali nella competizione iridata. Il suo terzo braccialetto arriva nel 2004, che è anche l’anno di maggior successo nella carriera di Negreanu, se non economicamente, sicuramente sul piano delle conferme professionali: oltre al braccialetto vince quasi tre milioni di dollari in due tornei del WPT e viene nominato giocatore dell’anno, giocatore dell’anno alle WSOP e giocatore dell’anno al WPT.

Nel 2008, al torneo No Limit Holdem da 2000 dollari di buy-in, vince il quarto braccialetto in carriera e altri 200.000 dollari.
Il quinto e il sesto successo arriveranno nel 2013 all’APAC 2013 dove si aggiudicherà oltre un milione di dollari e all’High Roller delle WSOPE da 25000 euro per una prima moneta da 725.000 euro.

Tuttavia la sua vittoria in carriera più ricca è un secondo posto ottenuto alle WSOP del 2014 al tanto discusso “One Drop”, il torneo dal montepremi più alto di sempre. Un milione di dollari di buy-in per un primo posto da 15 milioni. Daniel Negreanu ha fatto Runner-up dietro Daniel Colman e ha vinto 8 milioni, che si sommano ai 21 milioni accumulati nel resto della sua carriera solamente nei live.

 

Daniel Negreanu e il poker online

Indubbiamente le caratteristiche di Negreanu lo rendono un “animale da live”. Il forte pro player canadese fa parte di quella folta schiera di campioni che utilizzano come arma principale al tavolo la propria immagine. Fra questi annoveriamo Doyle Brunson, Phil Hellmuth, Tony G e Gus Hansen, tutti giocatori per i quali gli sponsor fanno letteralmente a botte pur di accaparrarsi 5 centimetri di spazio sul cappellino in occasione dei più grandi tornei televisivi.

Nel mondo dell’online Negreanu si è quindi reso protagonista più dal punto di vista del marketing che non per il poker giocato. Dal 2007 Negreanu è il volto di punta di Pokerstars.com, la maggiore poker room online. Prima di quella data era sceso in campo direttamente con una sua Room, Full Contact Poker, abbandonata per iniziare l’avventura nella picca.

Se guardiamo ai risultati ottenuti online scopriamo quindi che essi non sono all’altezza di quelli live: il successo di maggior prestigio è arrivato soltanto nel 2013, in occasione della sua vittoria all’evento High Roller delle SCOOP da 5200 dollari di buy in, un torneo di Pot Limi Omaha 6 max che gli ha fruttato un primo posto da 216.000 dollari.
Memorabile l’alterco avuto con Kirbynator, colpevole di Angle Shooting, durante un torneo di varianti.

 

Lo stile e l’abilità

Non si diventa i più vincenti giocatori di poker della storia se non si hanno qualità uniche in grado di fare la differenza fra noi e la massa.
Negreanu, nel gioco live, può essere considerato uno fra i giocatori più influenti di sempre. Un vero artista delle letture degli avversari – al punto che talvolta si tende a ironizzare sulle sue Soul Read, nelle quali Daniel polarizza l’avversario su un’unica mano e non su un range di mani come insegnano nelle scuole di poker – già negli anni 90 si impose al grande pubblico per l’attenzione mostrata alle carte avversarie e non semplicemente alle proprie.

La sua tecnica dello Small Ball, ossia fare delle thin bet invece del classico ½ pot è oggi applicata da tanti giocatori dell’online, ma all’inizio del 2000 solamente Negreanu e pochi altri la adoperavano nei tornei più importanti in giro per il mondo.

I tornei, come da lui stesso dichiarato, sono la specialità che preferisce. Si è cimentato negli anni anche nel cash game con discreto successo e non è raro vederlo alla mitica Bobby’s room, la sala di Las Vegas dove partono quotidianamente i i tavoli High Stack “più high” del momento, ma è sempre nel torneo – in tutte le sue varianti – che Negreanu offre il meglio di se.
Sebbene la sua personalità al tavolo adombri sovente tutti gli altri partecipanti, Daniel Negreanu è estremamente corretto e rispettoso nei confronti degli avversari. Il suo mindset, oltre che le sue abilità, fanno di lui il perfetto giocatore di poker.

Photo credit: Wikipedia.

  • Ultimo aggiornamento il .
logo agenzia dogane monopoli

Il gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica. Gioca responsabilmente.
Informazioni sulle probabilità di vincita e sui regolamenti di gioco sono disponibili sul portale www.adm.gov.it e sui siti dei concessionari.

DimensionePoker.com non è un operatore di gioco a distanza ma un sito di informazione dedicato ai giochi.
Tutte le poker room online citate su DimensionePoker.com hanno regolare licenza AAMS e sono concessionari autorizzati al gioco a distanza dall'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

Copyright © 2019 DimensionePoker.com. Tutti i diritti riservati.