Il gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica. Probabilità di vincita.
logo adm 18

Le implied odds

percentualeAbbiamo visto negli articoli precedenti i rapporti fra odds e pot odds e come i nostri call siano spesso regolati da semplici principi matematici.
In questo articolo vogliamo imparare a conoscere un terzo elemento che ci viene in aiuto nelle nostre decisioni: le implied odds. Sicuramente ne avrete già sentito parlare ma sfruttarle con profitto non è una cosa tanto semplice.

Definiamo le implied odds come “le implicite probabilità” di estrapolare valore da un nostro punto.
Quando abbiamo parlato delle odds e delle pot odds abbiamo visto come la questione fosse relativamente schematica: se ci troviamo al flop in flush draw le possibilità di chiudere il nostro progetto al turn, quindi immaginando di non arrivare al river, sono circa 4:1, cioè 4 carte su 5 non ci aiuteranno. Immaginando che in un piatto da 5$ il nostro avversario punti 1$, noi dunque potremmo fare call perché sul momento stiamo ricevendo pot odds di 6:1, cioè dobbiamo investire un dollaro per vincerne 6, consapevoli che 1 volta su 5 al turn chiuderemo il progetto, cosa che nel lungo periodo ci renderà vincenti in quanto 4:1<6:1.
Bene, ma se villain puntasse 4, dandoci così delle odds sfavorevoli (dovremmo aggiungere 4 per vincere 10), dovremmo foldare sempre?

Non è detto, se teniamo conto delle implied odds le cose si complicano. Infatti, anche con odds sfavorevoli in certi casi potremmo optare per un call. Questo avviene quando per qualche motivo, pur facendo un call non matematicamente vantaggioso in una street, riteniamo di poter trarre un profitto enorme nelle street successive.

Nel caso in questione è vero che al flop il nostro call non sarebbe matematicamente corretto ma noi non possiamo prevedere cosa accadrà nelle street successive.
Qualora avessimo il sentore che villain al turn o al river possa tirarci addosso addirittura il suo intero stack allora il nostro call pur essendo matematicamente errato al momento diventerebbe alla lunga parecchio profittevole.

Ma quindi dovrei fregarmene delle pot odds e andare sempre a pesca, perché tanto se chiudo il progetto mi pagheranno bene?
Questo è ovviamente sbagliato ed è una considerazione tipica di tante calling station che pur con odds sfavorevoli inseguono fino al river ritenendo di avere le implied odds buone per farlo.

Il calcolo delle implied odds non ha regole standard come quello delle pot odds e sta a noi capire quando un call momentaneamente a perdere potrebbe diventare un investimento vincente.
La regola base è che se chiudendo il nostro progetto nelle street successive pensiamo di poter ricavare un valore tale da consentirci di tornare in positivo sugli investimenti effettuati tutte quelle volte in cui il progetto non si completerà, allora dovremmo pensare di fare un call.

Perché ciò avvenga è fondamentale che:

  • lo stack nostro e quello dell’avversario siano full. Se sia noi che lui o comunque uno dei due non ha molte chips o $, non abbiamo materialmente cosa portargli via anche in caso di completamento del progetto.
  • Il nostro avversario sia disposto a giocarsi il suo stack, dunque deve avere un buon punto. Come possiamo saperlo? Immaginiamo di trovarci davanti a un rilancio da early position nel pre-flop e di avere 55 dallo SB. Le odds per il call non sono favorevoli, tuttavia se il rilancio proviene da un giocare nitty che apre solo con monster o mani molto forti potremmo ugualmente pensare di fare call per set-mining perché nell’eventualità in cui trovassimo il set, con overpair egli potrebbe lasciarci parecchio.
    Al contrario, se ad aprire è un villain aggressivo che entra nei piatti con tante mani come anche i connectors suited, probabilmente pur floppando il terzo 5 non riusciremo a portargli via nulla, anzi, potrebbe essere lui a outplayarci centrando una scala.
  • L’avversario sia disposto a lasciare un intero stack con TPTK o con overpair. Non tutti i giocatori lo faranno, in particolare i regular solidi quando decidono di investire un intero stack probabilmente possono anche avere un punto superiore al nostro set, il che significherebbe finire dentro la nostra stessa trappola
  • Ultimo aggiornamento il .
logo agenzia dogane monopoli

Il gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica. Gioca responsabilmente.
Informazioni sulle probabilità di vincita e sui regolamenti di gioco sono disponibili sul portale www.adm.gov.it e sui siti dei concessionari.

DimensionePoker.com non è un operatore di gioco a distanza ma un sito di informazione dedicato ai giochi.
Tutte le poker room online citate su DimensionePoker.com hanno regolare licenza AAMS e sono concessionari autorizzati al gioco a distanza dall'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

Copyright © 2019 DimensionePoker.com. Tutti i diritti riservati.