Il gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica. Probabilità di vincita.
logo adm 18

Il valore delle chips nel poker

cash_chips_aaron-jacobs
Foto di Aaron Jacobs
Una delle prime cose che un giocatore di poker deve apprendere nella sua carriera è il reale significato delle chips che ha dinanzi.

Nel cash game, le chips hanno lo stesso identico valore in ogni momento della partita, e, determinare quanto denaro ci si aspetti di vincere da una giocata equivale a determinare quante chip ci si aspetti di realizzare in media dalla giocata, da ciò se ne deduce, dunque, che le chip valgano esattamente il loro equivalente monetario.
Nei sit’n go, vincere chips non significa vincere denaro, in un torneo, il loro valore cambia in funzione di quanto cambia la nostra equity  e, soprattutto,  la struttura dei premi.

Ricordiamo alcuni concetti importanti:

equity, la parte di montepremi che spetta ad un giocatore;
cEV: indica  l’expected value in chip, cioè il valore atteso in chip di ogni giocata;
$EV: rappresenta l’expected value in dollari;  il valore atteso in denaro di ogni giocata.

Facciamo un esempio per cercare di chiarire la distinzione fra cEV e $EV.

Sit ‘n go 9 handed, buy in 10+1 (rake) euro.

In questo scenario l’equity totale sarà 90 ed ogni giocatore ha 10$ di equity (l’equity di ciascuno varia in funzione di molti fattori, ed in particolare delle abilità).

Alla prima mano un giocatore da late position va all in con AKs, BB con JJ cosa deve fare?

JJ vincerà il 53.7% delle volte

Pot odds: 1.03 a 1, deve mettere 1480 su un pot di 1530

cEV= chips che devi aggiungere / pot finale = 1480/3010 = 49.2%

Quest’ultimo risultato ci dice che il nostro giocatore dovrà chiamare quando avrà una probabilità di vincere superiore al 49.2%

Sembrerebbe, quindi, che il nostro giocatore debba fare call….no, non è così:
in una partita di cash game una vincita in chip corrisponde ad una vincita in denaro, e si ragiona in termini di cEV, mentre, in un sit un raddoppio delle chips all’inizio non significa un raddoppio della probabilità di vincere; nel nostro sit da 10 euro un raddoppio a 3000 chip comporta un aumento dell’ equity meno del doppio, ed essa sarà 18.25€, mentre la restante sarà “regalata” agli altri seduti al tavolo.

In questo caso per fare call è necessario un’equity di 10€ / 18.25€= 54.7% (equity fold / equty vittoria).

Nell'esempio, quindi, occorre foldare, perché giocarsi un coin flip ad inizio torneo significa escludersi dal montepremi il 50% delle volte e tale perdita non sarà compensata dal guadagno di un precoce raddoppio delle chip che, si realizzerà nella restante metà delle volte.

Ed ora giungiamo alle conclusioni:
il valore delle chip cambia, esse valgono di meno all’inizio e di più alla fine, l’ICM (Independent Chip Model) permette di calcolare il valore reale in denaro delle chip nelle diverse fasi di un sit’n’go quando il calcolo sarebbe complicato e non immediato e ci suggerisce di giocare tight nei primi livelli, evitando di rischiare all'inizio e cominciare a giocare di più a metà partita cambiando gioco quando si rimane in pochi.

  • Ultimo aggiornamento il .
logo agenzia dogane monopoli

Il gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica. Gioca responsabilmente.
Informazioni sulle probabilità di vincita e sui regolamenti di gioco sono disponibili sul portale www.adm.gov.it e sui siti dei concessionari.

DimensionePoker.com non è un operatore di gioco a distanza ma un sito di informazione dedicato ai giochi.
Tutte le poker room online citate su DimensionePoker.com hanno regolare licenza AAMS e sono concessionari autorizzati al gioco a distanza dall'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

Copyright © 2019 DimensionePoker.com. Tutti i diritti riservati.